.45 COLT


La cartuccia calibro .45 Colt   (denominata anche  .45 Long Colt o .45 LC ed anche talvolta 11,4x33mmR)  è coeva alla diffusione  del revolver COLT  Single Action Army  model 1873 in singola azione.

Secondo quanto riportato dal “Barnes” la .45 Colt è la munizione, non disgiunta dall’arma, che ha contribuito alla civilizzazione e all’assestamento politico del West Americano.

Già all’epoca la .45 Colt si guadagnò un’ottima reputazione con i sui quasi 50 Kgm di energia generati dalla generosa palla del peso di 255 grani.

I camposanti sorti  ai margini delle cittadine del vecchio west tra la fine del 1800 e per buona metà del secolo successivo erano pieni di persone morte in quanto venutesi a scontrare  con palle del .45 Colt.

All’epoca della sua diffusione questa cartuccia era dotata di una palla in piombo tenero di forma troncoconica del peso di 255 grani spinta da 40 grani di polvere nera ed erogava, alla volata delle single action army Colt,  una velocità di circa 246/250 m/sec.

Nel prosieguo, nella prima decade del 1900, la carica di polvere nera fu sostituita da quella infume,  dapprima furono balistiti e poi polveri  a base di nitrocellulosa, tutte in grado di duplicare se non superare  le prestazioni originarie della munizione a polvere nera giungendo alla soglia  dei circa 58 Kgm.

La capacità del bossolo del .45 Colt è davvero notevole e decisamente esagerata se rapportata alle polveri infumi attuali.  In punto propellenti questa cartuccia predilige polveri vivaci  che dimostrano ottima regolarità di combustione diversamente dalle polveri leggermente più progressive.

Allo stesso modo, per consentire una ottimale combustione della modesta carica di lancio nella notevole volumetria del bossolo è necessario che anche i proiettili siano dotati di peso adeguato.

Con palle relativamente leggere del peso di 200/230 grani, qualora la carica è di poco sotto la norma,  non è garantita la regolare combustione e si rilevano colletti anneriti e residui di polvere incombusta. In buona sostanza i risultati più coerenti si realizzano con l’impiego di palle tra i 250 e i 265 grani utilizzando polveri abbastanza vivaci del tipo Vihtavuori N320, , WW 231, Norma R1, Vectan BA10,  B&P PELF 26,  e similari.

I principali dati dimensionali della cartuccia sono i seguenti :

– Diametro del colletto = 12,20 mm circa
– Diametro del fondello = 13,00 mm
– Spessore del fondello =  1,50 – 1,55 mm (circa)

– Lunghezza massima del bossolo = 32,60 mm
– Diametro massimo della palla = 11,48 mm (.452″)
– Lunghezza massima della cartuccia  (O.A.L.) = 40,65 mm

– Passo di rigatura (generico)  = 1 giro in 406 mm.
– Innesco (tipo) = Large Pistol Standard

La . 45 Colt  è ritornata alla ribalta  grazie al diffondersi del  “tiro western(cow-boy action shooting) .

La sua ricarica è abbastanza facile in quanto i  bossoli sono facilmente reperibili presso qualsiasi armeria, altrettanto dicasi per le poveri e per gli inneschi del tipo Large Pistol Standard.

Le munizioni commerciali sono attualmente prodotte dalle principali fabbriche di cartucce tipo: Winchester, Hornady, Federal, Magtech, Fiocchi  ed altre

      

    

Le Colt single action di prima generazione presentavano forature di canna di .454” e dopo la II Guerra Mondiale la ripresa della produzione da parte della Colt dello stesso modello si basava su forature di .451 – .452” e, simili requisiti contraddistinsero le  tante repliche Italiane e non del leggendario revolver Americano.

foto sotto: Colt SAA Seconda generazione

Alcune fonti bibliografiche sconsigliano l’utilizzo di  palle del .45ACP  che notoriamente hanno diametro di .451-.452 per la ricarica del .45 Colt per motivi di scarsa precisione rifacendosi al problema della foratura delle canne.

Bisogna fare molta attenzione al tipo di arma in cui si intende utilizzare le cartucce .45 Colt. Ovviamente con una  Colt originale dell’epoca (comprendendo in tale definizione tutti i modelli di 1° generazione) o con altre armi di non solida fattura, risalenti maggiormente alla prima metà del secolo scorso, è necessario che le velocità non eccedano i 250 m/s con le palle  da 250 – 260 grs.  (quelle maggiormente utilizzate).

Con le polveri vivaci in dosi di poco oltre la norma, è molto facile che si verifichino sovrappressioni  che, nella migliore delle ipotesi, possono creare rigonfiamenti alle camere del tamburo in corrispondenza dei  recessi  in cui si incastra il dente di fermo del  tamburo stesso relativamente alle armi di tale morfologia meccanica.

Bisogna anche fare attenzione, in sede di ricarica, di mantenere la lunghezza massima della cartuccia  intorno ai max 41,5 mm onde evitare che la zona apicale delle palle non di forma adeguata, possa interferire con la rotazione del tamburo.

Fare altresì molta attenzione al fatto che la generosa volumetria del bossolo non disgiunta dall’utilizzo di polveri vivaci non aiuta il ricaricatore nella verifica visiva ai fini di evitare una eventuale doppia dose di polvere,  con risultati molto pericolosi.

Si riportano di seguito alcune tabelle di ricarica tratte dalla bibliografia attuale con alcune sperimentazioni dell’autore

 Polvere (tipo/dose) Palla (peso/tipo)    V(m/s)
N 320  5,8 (min.) - 6,4 (max) Hornady LSWC 200
N 310   5,7 (min.) - 6,2 (max) Hornady LSWC 200 226 -248
WW 450 6,1 (min.) - 6,8 (max) Cast RNFP 200
Vectan BA10 5,4 (min) - 5,8 (max) Lyman 452400 230 grs 210 - 249
Norma R1 5,4 (min) - 5,7 (max) Lyman 452400 230 grs 220 - 240
N 320   5,4 (min.) - 5,8 (max) Target Bullets 250 FP 5,7 dose tranquilla molto precisa
N 310   5,3 (min.) - 5,6 (max) Target Bullets 250 FP 220 -236
B&P Pefl 26 6,4 (min.) - 6,7 (max) Lyman 452400 230 grs
B&P Pefl 26 6,0 (min.) - 6,4 (max) Target Bullets 250 FP 207 - 235
N 32C   8,2 (min.) - 9,4 (max) Target Bullets 250 FP 270 - 300
LE DOSI INDICATE SONO TRASCRITTE  DALLA BIBLIOGRAFIA DEL SETTORE, DALLE DITTE PRODUTTRICI DELLE POLVERI E,  SOLO ALCUNE  DA SPERIMENTAZIONI DELLO SCRIVENTE. ESSE SONO DA CONSIDERARSI DI RIFERIMENTO; SI DECLINA OGNI RESPONSABILITA’ IN RIFERIMENTO ALLE DOSI INDICATE. SI RICORDA CHE  I PRODUTTORI  DELLE POLVERI  APPORTANO VARIAZIONI SUI PARAMETRI DI COMBUSTIONE NEL CORSO DEGLI ANNI, IN DIFFORMITA’ ALLE DOSI ELENCATE  SULLE SUINDICATE TABELLE PER CUI È CONSIGLIABILE CONFRONTARE LE DOSI DAI SITI DEI PRODUTTORI. NON SONO DA ESCLUDERSI GRAVI INCIDENTI IN PRESENZA DI ERRONEE PROCEDURE DA PARTE DI OPERATORI NON A PERFETTA CONOSCENZA DELLA RICARICA. SI RICORDA CHE LE POLVERI PROGRESSIVE, QUALORA UTILIZZATE IN DOSI INFERIORI POSSONO GENERARE ELEVATE PRESSIONI  CON GRAVI CONSEGUENZE. SI RACCOMANDA DI SPERIMENTARE  INIZIANDO DALLE DOSI MINIME  AUMENTANDO MOLTO GRADATAMENTE ED EVITANDO DI GIUNGERE ALLE DOSI MASSIME. MANTENENDOSI DEL 5% AL ​​DI SOTTO DELLA DOSE INDICATA, LE PRESSIONI SARANNO RIDOTTE DI CIRCA IL 10% MENTRE LE VELOCITÀ SARANNO INFERIORI SOLO DI CIRCA IL 3% RISPETTO A QUELLE EVENTUALMENTE ELENCATE.  LE DOSI INDICATE VANNO UTILIZZATE IN ARMI IN PERFETTE CONDIZIONI MECCANICHE EVITANDO DI UTILIZZARE ARMI CHE PRESENTANO SEGNI DI OSSIDAZIONE. LE DIMENSIONI INTERNE DI UN’ARMA POSSONO VARIARE NOTEVOLMENTE ANCHE TRA DUE DELLA STESSA MARCA E MODELLO. LE PRESSIONI POSSONO VARIARE  CON L’UTILIZZO DI ARMI DIFFERENTI.  OGNI CAMBIAMENTO NELLA MARCA  E ANCHE  NEI LOTTI  DI UNO SPECIFICO COMPONENTE PUÒ CAUSARE NOTEVOLI CAMBIAMENTI BALISTICI.  I CAMBIAMENTI NELLA TEMPERATURA AMBIENTE POSSONO ANCHE CAUSARE ALTERAZIONI DI PRESSIONE.  NON TUTTI I PROIETTILI DI UN DATO DIAMETRO  E  PESO PRODURRANNO  PRESSIONI  SIMILI.